E la gente guarì. Poesie e street art al tempo del coronaVirus

E la gente rimase a casa
E lesse libri e ascoltò
E si riposò e fece esercizi
E fece arte e giocò
E imparò nuovi modi di essere
E si fermò

E ascoltò più in profondità
Qualcuno meditava
Qualcuno pregava
Qualcuno ballava
Qualcuno incontrò la propria ombra
E la gente cominciò a pensare in modo differente


E la gente guarì.
E nell’assenza di gente che viveva in modi ignoranti
pericolosi
Senza senso e senza cuore,
Anche la Terra cominciò a guarire

E quando il pericolo finì
la gente si ritrovò
Si addolorarono per i morti
E fecero nuove scelte
E sognarono nuove visioni
E crearono nuovi mondi di vivere
E guarirono completamente la Terra
Così come erano guariti loro

da “Iza’s story”
di Grace Ramsay, 1869

trad. Yel Bosco

 

si ringrazia Gabriella Gianfelici
per l’invio del testo poetico
immagini tratte da:
https://news.artnet.com/art-world/coronavirus-street-art-1814961