poesia

Tre poesie di un probabile contemporaneo

naomi-vona-bruna-800x800
Tre posie “effimere”, tre poesie “contemporanee”, che reclamano lo spazio del proprio tempo. La scrittura poetica usata come comprensione delle turbolenze della visione e della relazione dei mutamenti dell’intorno e dell’epocale in Sara Ferraglia; l’orogenesi del nuovo mondo che comprime e “tabula” energia di Lyra Davies; l’inaspettato viaggio “intorno al mondo” di Raffaele Sabatino dentro il proprio vicinato, il lontano, lontanissimo distante una sola porta da noi, in un caos cromatico e culturale che investe ma non alleggerisce il cuore dalle nostre nostalgie.
Tre sguardi “utili”, per cogliere le relazioni che corrono attraverso la storia dell’oggi e dell’ immediato, dall’alto dello sguardo e dell’indagine emotiva che scelgie l’accettazione dell’impossibilità dell’orientamento della realtà su piani lineari e prevedibili. “La vita culturalmente più ricca e vasta di oggi obbliga l’individuo a poggiarsi su mille presupposti che egli non può seguire e verificare del tutto e quindi deve accettare per buoni” (Francesca Ieracitano) . Quello che viviamo nell’oggi e nell’intorno, si distinguerà nei ricordi? Si potrà trasformare in storia o sarà dimenticato? La scrittura come comprensione delle turbolenze della visione e delle relazione dei mutamenti dell’intorno e dell’epocale, è l’esatto contrario dell’effimero anche quando è costratte ad utilizzarne colori e parole stampate.

***
La visione distorta delle cose
di Sara Ferraglia
La visione distorta delle cose
ha un suo fascino precipuo.
Sui dorsi dei libri titoli spezzati
stan generando frasi misteriose.
La linea,  che ha perso il suo contiguo,
precipita nel pozzo dei dannati:
volti deformi e trasfigurati
come anime di Munch e Modigliani,
di macchie nere e mostri un florilegio.
Vedere luoghi prima immaginati
e nuove dimensioni e mondi alieni,
visioni alternative,  un privilegio.
Vedere il mondo dentro una clessidra
è un fenomeno raro.
Ciò che più mi addolora
è perder la visione di sinistra
che l’han già persa in tanti
eppur ne abbiam così bisogno, ancora.

 

***

Topography of an Apple
di Lyra Davies
It perches there,                           ripe and globular;
knitted together from           the pinks of the world,
orbiting its own                                 red roundness
like a planet collapsing;                         star-struck,

sunburned and                               staining the sky.
The classroom circles it               like the geography
test is a carousel,              and each revolution sends
us spinning, ducking,                                 bobbing.

The Pacific                                  deflates and spills
through double-glazed                          glass panes
in moon-beaded rivulets,                       welling up
on the sun-lanced            carpet and lacing us with

salty fish-hooks.           The troposphere is tapping
on the skylight,                   dripping cumulonimbi
onto our exam papers                   (wet ink marbles
our fresh photocopies               until question four

is illegible).                                    Swallows tumble
through the windows,                                   flitting
between shafts                  of jalousie-sifted sunlight
and gliding on                             watercolour wings

like paper aeroplanes,               their bodies always
slightly ahead.                     They nose through the
gaping casement towards                    the sky to be
shredded                           in a thrusting jet engine,

feathers parachuting                         like fistfuls of
confetti                            onto bulging rain clouds.
The apple rolls off                 the varnished bureau
and plunges earthwards                     like a meteor,

emerging in the concave                       of a creased
palm, with bruises                 like canyons or moon
craters;                                         topography like a
city skyline: pitted                               and uniform

in banality                              as a stranger breathes
something high-flown                                into the
stars

***

Neighbours
di Raffaele Sabatino

Il mio vicino è indiano
ha la casa sempre piena di gente
uomini coi turbanti bambini
donne bellissime coi bindi

la parete del mio vicino indiano
si vede dai vetri, e da lontano
puoi intravedee i film di Bollywood
lui sposa lei, è tutto un lieto fine

sulla parete del mio vicino
si balla e canta e il bene vince

la parente del mio vicino
è sempre felice

* dalla raccolta Scie,
vincitrice del premio Giorgi 2017